Territorio

ATENE

_DSC4186sAtene è una destinazione city-break ideale e il miglior punto di partenza per un viaggio in Grecia. E ‘per molti aspetti una tipica città europea moderna. Alcuni la descrivono come la “Berlino del Sud” per l’energia e le contraddizioni urbane, altri come la più “americana” di tutte le capitali europee per il senso di libertà che trasmette. Eppure Atene reca evidenti le tracce della sua variegata storia, dall’antichità fino all’epoca ottomana, mentre allo stesso tempo mantiene il suo fascino mediorientale arricchito di suggestioni balcaniche. E’ un calderone che racchiude in sé ed esprime tutto ciò che sono la Grecia e la sua gente. Infatti, la maggior parte degli ateniesi conserva ancora oggi un legame forte con il proprio luogo di origine, sia esso un remoto villaggio dell’Epiro (Grecia settentrionale) o del Peloponneso, o qualche isola remota nel Mar Egeo.

Atene colpisce per la sua sicurezza, subito percepita, e per il suo clima meraviglioso. Grande ma non immensa, con nuove aree verdi e un sistema di trasporto articolato e affidabile, ben si offre ad essere esplorata. Angoli nascosti, taverne gourmet, negozi all’antica affianco a boutique alla moda e bar invitanti sono solo una parte di quello che può riservare al visitatore curioso.

dion sIl soggiorno ad Atene ha come tappa iniziale imprescindibile il centro storico antico, dove, grazie ad un’ estesa zona pedonale, è possibile passeggiare per l’Acropoli, l’antica Agorà, i teatri all’aperto e altri monumenti in totale relax. Con il Partenone e il Museo dell’Acropoli come punti di riferimento principali, questa zona dispone anche di grandi opportunità di ristoro, interessanti souvenir e negozi di designer locali. Se ci si sposta verso la zona commerciale della città vecchia, punteggiata da piccole chiese ortodosse bizantine, e ai mercati centrali, si possono incontrare anche personaggi molto coloriti.

L’Atene più moderna comprende il Parlamento a piazza Syntagma, i rigogliosi Giardini Nazionali, lo Stadio di marmo Panathinaiko che ha ospitato i primi Giochi Olimpici dell’era moderna, nonchè musei, belle piazze, vari esempi di architettura neoclassica e un quartiere commerciale alla moda (Kolonaki). Sicuramente merita anche una visita alla collina del Licabetto, da dove godere di ampie vedute della città, e a quartieri pittoreschi come Pagrati e zone bohemien come Exarchia.

grafAmpia è l’offerta culturale e per il tempo libero tra cui impressionanti musei, gallerie d’arte, cinema e centri culturali in un contesto che si rinnova continuamente. Nei prossimi due anni la nuova Galleria Nazionale, il Museo Nazionale di Arte Contemporanea, e la nuova Biblioteca Nazionale e Opera House apriranno al pubblico, mentre la costa della città è in fase di ristrutturazione e grandi viali del centro saranno trasformati in zone pedonali.

Altri musei da non perdere sono il Museo Archeologico Nazionale,  il Museo Benaki, il Museo di Arte Cicladica e quello di arte bizantina. Infine segnaliamo anche i monasteri bizantini, situati sulle alture dell’ Imetto e di Penteli, e a Dafni, nonché le distese boschive del Monte Parnitha, a nord di Atene.

Oltre a visitare le attrazioni e i monumenti principali, è altrettanto gratificante addentrarsi con spirito esplorativo nei diversi quartieri che compongono la città. Ogni quartiere del centro e dell’area metropolitana ha la propria storia e atmosfera. Alcuni sono molto vecchi e altri invece moderni. Alcuni sono piuttosto sgangherati mentre altri lussuosi. L’antropologo urbano sarà in grado di leggere nell’architettura, le aree pubbliche, la gente, i negozi e anche nei negozi di alimenti i segni di percorsi e di storie vissute dai loro abitanti.

In Psyrri è ancora percepibile l’atmosfera di una zona un tempo conosciuta per la piccola criminalità e gli emarginati. Vi noterete laternamolte vecchie botteghe di piccoli artigiani che vivevano in umili case. Passeggiando per Pagkrati potete cogliere il lascito dell’era in cui questo quartiere ospitava la classe media di ateniesi benestanti e artisti di spicco come il compositore Manos Xatzidakis. In alcune aree come Thiseio, Petralona o Metaxourgeio, si ha ancora oggi la sensazione di vivere in un periodo non meglio determinato del 19° o del 20° secolo. La verde Kifisia nel nord è la zona residenziale una volta favorita anche dalla Famiglia Reale. Pireo, al contrario, è il porto della città ed esibisce fiero il suo carattere popolare e le suggestioni  insulari. Lì si ha l’impressione di stare con un piede nel continente e con l’altro su qualche isola greca.

A Nea Smyrni, Nea Filadelfia e la costiera Paleo Faliro si sono insediati agli inizi del 20° secolo greci provenienti dall’Asia Minore. Alcuni di loro piuttosto facoltosi, come testimoniano alcuni edifici particolarmente curati, mentre Kallithea, Nea Ionia e Vyronas sono stati in gran parte abitati dai greci meno abbienti della diaspora. Le tradizioni alimentari, però, sono comuni a queste zone e non parlano la lingua del denaro, ma quella della memoria. State quindi certi di trovare qualche eccellente baklava, peynirli, ekmek o dondurma (pietanze dell’Asia Minore) in ognuna di esse. C’è molto da scoprire in queste città nella città.

 

LA RIVIERA ATENIESE

_DSC4937Conosciuta anche come la Costa di Apollo, è un suggestivo tratto di mare cristallino che si snoda per insenature, baie e spiagge lungo il Golfo Saronico per circa 70 km, dal porto del Pireo e il caratteristico quartiere di Faliro al punto più meridionale, Capo Sounion. E’ orientata verso sud ovest, spesso regala quindi tramonti mozzafiato,   ed è bagnata dal sole per 300 giorni all’anno.

Nelle cosmopolite Faliro e Glyfada si possono fare delle belle passeggiate in riva al mare. Dispongono anche di porti turistici, taverne tradizionali, ristoranti moderni e bar, campi da gioco, aree commerciali e di una vivace vita notturna. A Faliro ci sono anche alcune eccellenti pasticcerie mentre Glyfada ospita Archelon, un’associazione per la protezione delle tartarughe marine Caretta Caretta.

Vouliagmenis LakeSpostandosi verso sud, gli insediamenti urbani diventano meno densi. Vouliagmeni, per esempio, è formata da una serie di incantevoli baie, penisole e spiagge immerse nelle pinete. Vi troverete acque trasparenti accanto a siti archeologici – come il Tempio di Apollo -, o il stupefacente lago naturale, che si trova “affondato” (Vouliagméni significato per l’appunto questo) nei resti di un’ enorme grotta calcarea e con sorgenti d’acqua termale tiepida. Oppure potete semplicemente sorseggiare un cocktail d’autore, gustare un gelato o una cena in uno dei suoi numerosi ristoranti di pesce di alto livello.

Varkiza è la prossima località balneare che s’incontra spostandosi verso Sud. La sua lunga spiaggia di sabbia è deliziosa. Grazie alle particolari condizioni di sicurezza che caratterizzando la sua baia, è meta prediletta da molti atleti professionisti, ma anche da semplici ateniesi che si vogliono allenare o praticare qualche sport acquatico.

Proseguendo lungo la strada costiera si alternano insenature e spiagge meravigliose, tra cui quella particolarmente pittoresca di Agios Nikolaos, con la sua striscia di sabbia a collegare la terraferma con la penisola rocciosa dove sorge la piccola cappella bianca di Agios Nikolaos, dedicata al santo che protegge i marinai. La zona è ideale anche per le immersioni, grazie alle acque limpide e sicure e attrazioni sottomarini come relitti, automobili e aerei che si trovano sul fondo del mare, grotte, scogliere e fauna marina.

Cape Sounio from the NorthSpiagge ancora più appartate si trovano a Sud verso la punta estrema di Capo Sounio. Dopo i borghi di Saronida e Fokea, gli ultimi 20 km prima di raggiungere Capo Sounion sono punteggiati da calette segrete, belle spiagge sabbiose e isolotti. E’ difficile resistere a una nuotata rigenerante nel mare cristallino di Legrena prima di visitare lo sbalorditivo tempio di Poseidone, risalente al 5 ° secolo AC. Da lì si può ammirare forse il più bel tramonto di tutta la regione, per poi assaggiare alcune pietanze a base di pesce in una taverna locale, magari sorseggiando un bicchiere di ouzo.

Pochi chilometri a nord di Sounio, sulla costa occidentale della regione dell’Attica, si trova la cittadina di Lavrio. Una volta un importante centro industriale famoso fin dai tempi antichi per le sue miniere, Lavrio è oggi un pacifico luogo di villeggiatura con un bel porto turistico e alcuni gradevoli ristoranti di pesce.

 

MESOGEA (L’entroterra)

chaosMesogea, che significa “terra di mezzo” in greco, è l’entroterra della regione Attica. I primi insediamenti significativi risalgono agli Achei e ai Micenei e vestigia del passato sono sparse in tutto il suo territorio. Una volta una zona prevalentemente rurale, con molte piantagioni (uva, fichi, pistacchi, olive, pomodori ecc.) in tutta la sua pianura fertile e bestiame (soprattutto pecore), oggi è in parte occupata da sobborghi di Atene. Si tratta di una zona molto soleggiata, calda e secca, con una temperatura media annua che si aggira attorno ai 18-20 gradi C °.

Punti rilevanti di interesse storico, archeologico e simbolico comprendono:

  • Il sito archeologico di Maratona, e quelli di Ramnous e Amfiarao nel Nord Est;
  • Il santuario di Artemide e il museo archeologico in Vravrona a Est;
  • I monasteri bizantini e le cappelle del Monte Imetto e della piana di Mesogea;
  • Le antiche miniere d’argento di Lavreotiki a Sud.

Vineyard in SpringLa zona era molto conosciuta all’epoca dell’ Atene classica per il suo vino eccezionale. Gli stessi vitigni (ad esempio il Savvatiano), insieme ad altri si possono trovare ancora oggi, con diverse cantine produttrici di vini pregiati e dagli aromi particolari, come la celebre Retsina. Si possono anche gustare squisiti fichi e pistacchi a Markopoulo, olio d’oliva e prodotti da forno tradizionali. Infine, nella regione ci sono alcuni artigiani che lavorano principalmente la terracotta e il marmo.

Se siete invece appassionati di natura e sport, potete lanciarvi in una passeggiata a cavallo tra i vigneti e i campi di pistacchio, o un trekking tour o giri in bicicletta tra le colline coperte di pini del Parco Nazionale di Sounio.

 

LE ISOLE

In un’ ora o poco più di traghetto da Atene si possono raggiungere alcune piccole ma affascinanti isolette. Alcune si trovano nel golfo Argosaronico e nel canale dell’Eubea mentre altre appartengono all’arcipelago cicladico del Mar Egeo.

ai nikolas eginaLa più vicina in assoluto, Egina, è luogo di villeggiatura per molti ateniesi e possiede alcune belle spiagge, il fantastico tempio di Aphaia, squisiti pistacchi di fama mondiale e del buon pesce. E’ particolarmente indicata per giri in bici lungo la strada costiera, per esplorare l’isola con i giusti tempi. Proprio accanto a Egina si trova la piccola perla Agkistri, che si caratterizza per le sue ampie pinete, le sue acque cristalline e l’atmosfera distesa.

Kea, o Tzia, è la prima isola delle Cicladi che s’incontra a soli 20 Km da Capo Sounion. È dotata di un affascinante chora, Ioulida, un tempio dedicato ad Atena Karthaia e coste pittoresche che la rendono una destinazione popolare tra ateniesi, diportisti e turisti. Vanta anche una grande foresta di querce, l’ultima così grande conservata nelle Cicladi! Vi potete anche ammirare la particolare architettura locale, degustare l’eccellente miele di timo, e la passeggiata sul mare a Vourkari.

Gli isolotti di Petalioi, invece si raggiungono da Porto Rafti, sulla costa orientale dell’Attica, muovendo verso punta sud dell’isola Eubea. Praticamente disabitati, sono un’oasi naturale ideale per le immersioni e le nuotate in perfetta solitudine.

_DSC4314

Related Posts

TUTTI I TOUR E LE ATTIVITA’

2015-07-01 11:24:24
beyond

8

Dicono di noi

2015-04-05 07:30:02
beyond

8

CONCORSO Your Experience!

2014-12-22 10:16:21
beyond

8

Il nostro team

2014-12-14 20:06:39
beyond

8

VOULIAGMENI – Estate tutto l’anno

2014-10-21 10:42:29
beyond

8

NEW TRENDS in ATHENS (part I)

2014-10-16 10:30:53
beyond

8

Attica, a blessed land

2014-10-13 08:51:20
beyond

8

EnglishItaly